Mai più senza di te

Circuito di Suzuka, 1989, al 47º giro avvenne il fatto decisivo: Senna decise di provare alla Casio Triangle (chicane del triangolo). In fase di frenata Senna uscì dalla scia dell’avversario e si portò tutto all’interno, mentre Prost cominciò a chiudere la traiettoria per impostare la curva; il brasiliano era però troppo veloce, il francese non si fece intimidire, non allargò la traiettoria, conscio anche del fatto che un’eventuale vittoria di Senna avrebbe di fatto riaperto il campionato: il contatto era inevitabile, le due McLaren si agganciarono e scivolano assieme lungo la via di fuga in asfalto. Prost uscì subito dalla vettura (lasciando inserita la marcia per rendere difficoltosa la rimozione) ma Senna restò in macchina, aspettando che le due vetture venissero sganciate, e si fece spingere dai commissari per far ripartire il motore Honda della sua macchina.
Ma alla fine della gara, prima della premiazione, Senna venne squalificato, per aver tagliato la chicane in seguito all’incidente e per aver ricorso ad aiuti esterni per farsi rimettere in pista. Sul gradino più alto del podio salì Nannini.
C’è un ultimo atto per quella stagione: a Senna venne sospesa la superlicenza per 6 mesi (con la teorica possibilità di non poter prendere parte alle prime gare della stagione 1990), a meno di scuse ufficiali al presidente della FISA Jean-Marie Balestre, accusato dal brasiliano di aver voluto favorire il rivale Prost. Ron Dennis, boss della McLaren, risolve la diatriba “all’italiana”: scrive lui personalmente la lettera di scuse e falsifica la firma del suo pilota.
La rivalità che li aveva divisi era stata spietata, ma i due si stimavano tantissimo. Senna lo aveva detto più volte, che l’unico avversario che temeva tantissimo era Prost.
“A dire il vero,trovo un pò di difficoltà nel parlare di Ayrton , e non solo perchè lui ora non è più fra noi. Sai, era alquanto diverso, tanto, da qualunque altro pilota o persona io abbia incontrato nella mia vita..” (Alain Prost)
“Io voglio vivere intensamente perché io sono una persona intensa.” (Ayrton Senna)
Circuito di Suzuka, 1991, la gara è decisiva per l’assegnazione del campionato piloti: Mansell, secondo in classifica con 16 punti di svantaggio dal primo, Senna, deve assolutamente vincere per tenere aperta la sfida fino all’ultima gara.
Tuttavia al 10º giro il pilota inglese esce di pista dopo un errore alla prima curva, dovendosi ritirare. Senna è così matematicamente campione del mondo per la terza volta; i due piloti della McLaren conducono tutta la gara, con Senna che all’ultima curva fa passare il compagno di squadra, Berger, lasciandogli la vittoria.

20130609-221216.jpg
“ho capito che un vincitore vale quanto un vinto” (Lucio Dalla, Ayrton, 2006)
Da leggere ascoltando Lucio Dalla

Annunci

One response to “Mai più senza di te

  • tiziana_campodoni@libero.it

    anche a me dispiace…Senna mi piaceva (di sport non capisco e non so nulla…ma lui mi piaceva) buona giornata…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

BloggOne

The dreams in which I'm dying are the best I have ever had

☆ Pensieri Sparsi di una Psicopatica ☆

●○•°La mia mente è un turbinio di parole sparse che cercano un senso°•○●

Chiara Vacilotto

Veni vidi Vaci

ragionevolidubbi

fosse anche un sogno matto

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

Sesquiotica

Words, words, words

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

Perfidia 2.0

Il blog di Antonella Grippo

Tiziana Campodoni - Blue moon

"quelle che contano sono le note che non senti" (W.count Basie)

viviennelanuit

Thrill, Sex and Netiquette

Quasi a Occidente

Terzo e ultimo blog per Emiliano B

The Lark and the Plunge

La letteratura, come tutta l'arte, è la confessione che la vita non basta.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: