Quella volta che un barbone bussò al mio cartone

Portava in mano due bottiglie di vino, mi voltai di scatto.
“È permesso?” Chiese.
Senza dire una parola, o forse emettendo un grugnito sommesso, mi feci un po’ da parte.
Sotto il Ponte della Libertà, stavano vecchi giornali sdruciti e quel mio forte cartone tenuto insieme con lo scotch ed il fumo delle sigarette.
Affollato di silenzi, in quel posto era raro imbattersi in una palese richiesta di parole.
Si chiamava Saverio De Petris Filiol, barone di qualche posto che non ricordo, ma che suonava come un posto dove le vigne crescono verdi e rigogliose.
“Ti ricordi l’ultima volta che hai amato?” Domandò, armeggiando per stappare una bottiglia di vino rosso dall’etichetta opulenta.
“No.” Risposi, tossendo, per lasciar intendere che avessi altro da aggiungere.
Mi parlò per un tempo che comprese entrambe le bottiglie di vino, anche se non saprei dire quanto fu.
E sorrise e, congedandosi, mi diede la mano ed andò via e non lo rividi mai più.
Ritrovai il ricordo, la mattina dopo, riguadagnai la sponda ed attraversai il cielo che avevo scelto, il Ponte della Libertà.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

BloggOne

The dreams in which I'm dying are the best I have ever had

☆ Pensieri Sparsi di una Psicopatica ☆

●○•°La mia mente è un turbinio di parole sparse che cercano un senso°•○●

Chiara Vacilotto

Veni vidi Vaci

ragionevolidubbi

fosse anche un sogno matto

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

Sesquiotica

Words, words, words

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

Perfidia 2.0

Il blog di Antonella Grippo

Tiziana Campodoni - Blue moon

"quelle che contano sono le note che non senti" (W.count Basie)

viviennelanuit

Thrill, Sex and Netiquette

Quasi a Occidente

Terzo e ultimo blog per Emiliano B

The Lark and the Plunge

La letteratura, come tutta l'arte, è la confessione che la vita non basta.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: