Anni Luce

Quando i sogni si realizzano, cominciano a morire. Facciamo un passo alla volta va’.
Eppure, a 5mila anni luce da qua, esistono pianeti che ruotano attorno a due stelle. No, tanto per dire su possibili orbite molto complesse.
Spalancò la porta con fare solenne e sentenziò: “Ci vuole una belle dose di culo di questi tempi!
Franco fece un passo dentro al bar e tutti d’improvviso ristettero. Solo un attimo. E Mario tornò a strofinare i bicchieri dietro al bancone.
Baffi spessi e poche parole. Mario serviva i caffè anche senza bisogno che glieli ordinassero. Anche a quel tipo seduto al tavolino da solo con la testa tra le mani.
La decadenza di uno dalla sua poltrona non può che sancire la tragica commedia della decadenza di tutti dalla proprietà del diritto di cittadinanza democratica. Esultiamo del giusto peggio, nascosto sotto un tappeto tracimante di mondezza.
Anche quella francese grassona aveva avvertito soffi di silenzio nel cuore, ed ali sporche al presente che si allontana dal tempo fuggito.
Andavo a scuola ed il walkman si mangiava sempre il nastro della cassetta. E la vespa non partiva mai.
Mi piace, viaggiando di notte, immaginare al sicuro le persone che amo. Nel loro letto. Io sorrido e cerco la fine di questo giorno.
È che l’artificialità, anziché rimanere solo amena decorazione, non fa che conferire un accento più patetico alle vicende umane. Cento volte me, cento vite in ogni luogo, cento volte altro in ogni tempo. Solo davanti a lui torno ad essere uno. Quello che sono.
Sarebbe bello se Ottobre non si portasse via la luce della sera. Se non si portasse via centinaia di volti nello specchio del mare. Od il mio, che non si riflette più.
Lei che adesso fuma nella sua auto, si accende una lacrima. So tutto ragazza. È solo la sporcizia della sopravvivenza quotidiana.” (@KarlMarefoschi , 5 Settembre 2012)
Siamo nella merda.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

BloggOne

The dreams in which I'm dying are the best I have ever had

☆ Pensieri Sparsi di una Psicopatica ☆

●○•°La mia mente è un turbinio di parole sparse che cercano un senso°•○●

Chiara Vacilotto

Veni vidi Vaci

ragionevolidubbi

fosse anche un sogno matto

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

Sesquiotica

Words, words, words

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

Perfidia 2.0

Il blog di Antonella Grippo

Tiziana Campodoni - Blue moon

"quelle che contano sono le note che non senti" (W.count Basie)

viviennelanuit

Thrill, Sex and Netiquette

Quasi a Occidente

Terzo e ultimo blog per Emiliano B

The Lark and the Plunge

La letteratura, come tutta l'arte, è la confessione che la vita non basta.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: