Nera China

Ho rovesciato una grossa macchia di china nera in una piccola ciotola, proprio come si fa con la salsa di soia nella preparazione del sushi, ma con fare quasi più solenne. Ho lasciato che quel vecchio pennino col manico di vetro azzurro si impregnasse a dovere, l’ho scaldato con qualche segno morbido. Piccoli arabeschi dai bordi leggermente sbavati. Non so ancora quanto ordine potrò ricavare da quel minuscolo lago di caos nero.
Quando si scrive a china la differenza la fa il foglio di carta. A me piace usare fogli di grana piuttosto grossa, un po’ porosi. Mi piacciono come i giorni imperfetti. Sono impegnativi, assetati, ribelli; trasformano il tratto cosicché, dopo qualche istante, i segni si confondono e creano nuove forme. Bisogna essere leggeri ma decisi, il tempismo è tutto e la velocità fondamentale per non lasciarsi catturare e disperdere dalla grana. Quei fogli fanno un rumore particolare quando li tracci, come di un aratro che solca la terra, come di un fuoco che crepita, come se si impregnassero di vita.
Intingo e metto ordine.
Continuerò ad intingere da questa vita informe per darle ordine e senso e segni in cui riconoscersi.
La magia sta nell’esaurire la riserva di china nera proprio con un punto.
Così, per non lasciare la vita con un pensiero sospeso.

“Noi siamo i soliti, quelli così…” Vasco Rossi, I Soliti, 2011

Annunci

3 responses to “Nera China

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

BloggOne

The dreams in which I'm dying are the best I have ever had

☆ Pensieri Sparsi di una Psicopatica ☆

●○•°La mia mente è un turbinio di parole sparse che cercano un senso°•○●

Chiara Vacilotto

Veni vidi Vaci

ragionevolidubbi

fosse anche un sogno matto

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

Sesquiotica

Words, words, words

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

Perfidia 2.0

Il blog di Antonella Grippo

Tiziana Campodoni - Blue moon

"quelle che contano sono le note che non senti" (W.count Basie)

viviennelanuit

Thrill, Sex and Netiquette

Quasi a Occidente

Terzo e ultimo blog per Emiliano B

The Lark and the Plunge

La letteratura, come tutta l'arte, è la confessione che la vita non basta.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: